Service tax, il governo prova la via federalista (VALENTINA CONTE).


Triskel182

L'impatto

Così aliquote e Tares decise dai Comuni. Ma pagherà anche chi non ha casa ed è in affitto.
Il fisco.

ROMA— Piace ai sindaci. Non dispiace ai partiti. La Service tax, l’ipotesi numero otto del dossier Saccomanni, potrebbe essere la soluzione del rebus Imu. Anche perché è l’unica a godere del rating di “alta efficienza”, il bollino affibbiato dal ministero dell’Economia alle nove alternative per ridisegnare l’imposta sulla casa. Di contro, graverebbe anche su chi proprietario non è. Sarebbe proporzionale alla numerosità delle famiglie. E regressiva, picchiando duro sui redditi bassi. In sintesi, consentirebbe di dire al Pdl: abbiamo abolito l’Imu sulla prima casa. Al Pd: l’abbiamo restituita ai Comuni. Con il rischio per tutti che però non sia più conveniente del vecchio balzello.

View original post 363 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...