IL 2 GIUGNO E’ UNA RICORRENZA IMPORTANTE


DI ANTONELLA SODDU

 C’era una volta la parata militare, tanti uomini in divisa orgogliosi di portarla, tanti colori, suoni e rumori decisi di passi. Attenti, riposo, presenta arm, saluto a testa alta come a dire – fiero e orgoglioso di rappresentare e servire la mia nazione creata libera dai miei padri. Io sono contro la sua soppressione, lo sono perché in fondo un significato lo ha. Dovremmo esser fieri di quegli uomini e donne, tutti i giorni e anche una volta all’anno. Non ci rendiamo conto, ma, stiamo tutti seguendo e cavalcando l’onda del populismo e della demagogia. Credo sia importante sottolineare che una Nazione si rispecchi anche nel valore di certe cose che ne caratterizzano le ricorrenze. Son ben altri gli sprechi a cui si deve mettere un lucchetto bello sostanzioso. Qualcuno di coloro che ne vogliono la soppressione provi a chiedere ad un francese di rinunciare alla parata per la ricorrenza del 14 luglio, o agli USA a quella del 4 luglio. In Francia il 14 luglio è una festa nazionale, la più importante e la più grande, è il 14 luglio (Quatorze Juillet). Una festa dedicata alla memoria della Presa della Bastiglia, quando nel lontano 1789 si dava avvio a quella che è passata alla storia come la Rivoluzione Francese. Grandi avvenimenti e celebrazioni sono previsti in tutto il territorio nazionale, di cui la più grande nella Avenue des Champs-Élysées, alla presenza del Presidente della Repubblica francese e delle alte cariche dello Stato. In America il 4 luglio, giorno della Dichiarazione d’Indipendenza, è sicuramente una delle festività più importanti degli Stati Uniti, degnamente celebrata con fuochi d’artificio, barbecue, picnic e vari eventi, tra cui parate militari in tutte le città del Paese. Gli spettacoli pirotecnici sono eccezionali, e mescolarsi alla folla festante che riempie parchi e giardini è un’esperienza unica. L’atmosfera è pervasa dallo spirito patriottico e dall’orgoglio nazionale, ed ovunque si sentono cori intonare gli inni “The Star-Spangled Banner” o “Stars and Stripes Forever”. E noi? Il 2 e 3 giugno del 1946 un referendum a suffragio universale rispose che gli italiani volevano una Repubblica libera e democratica. La Festa della Repubblica Italiana viene celebrata il 2 giugno a ricordo della nascita della Repubblica. Ma noi italiani siamo una razza atipica, se gioca la Nazionale si blocca l’intera nazione, se corre la Ferrari stiamo li, incollati alla Tv e cosi via dicendo, ci esaltiamo per le banalità e ci diamo all’ippica ( senza offesa per i cavalli ) quando si tratta di ricordare e omaggiare. Quest’anno la parata sa dà fare solo in ristrettezza, può starci tutto, ma a me personalmente non sta bene dipingerla come una cosa inutile. Ho parecchi amici emigrati, in Sud America per esempio, e posso dire con grande orgoglio e riconoscimento verso questi che tutti gli anni si adoperano, nelle città dove oggi risiedono, per organizzare festeggiamenti in omaggio alla Repubblica Italiana riuscendo a coinvolgere anche le genti che li ospitano. Buon 2 Giugno e W la Repubblica italiana. Ajò Forza Parisi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...